Collaborazione tra l’amministrazione di Rende e l’Unione Italiana Ciechi

Fattiva collaborazione tra Rende e l’Unione Italiana Ciechi rimarcata nella prima assemblea annuale della sezione provinciale UICI.

collaborazione tra la nostra amministrazione di rende e l'Unione Italiana Ciechi

“Siamo lieti della fattiva collaborazione tra la nostra amministrazione e l’Unione Italiana Ciechi, una sinergia che fa dell’inclusività e del rispetto delle differenze sistema valoriale attraverso cui promuovere azioni politiche concrete”, a dirlo a margine della prima assemblea annuale della sezione provinciale UICI il sindaco di Rende Marcello Manna.

Un’assemblea partecipata -erano presenti più di duecento soci- quella che si è svolta nel fine settimana nel centro polifunzionale del comune dell’oltre Campagnano. “L’encomiabile lavoro svolto dal compianto ex presidente dell’Uici Pino Bilotti sta vedendo ora i suoi frutti con progetti avviati e portati a termine nel corso degli anni”, ha proseguito il primo cittadino di Rende.

Il vice sindaco di Cosenza Francesco Caruso ha ricordato infatti come proprio dalla collaborazione con l’UICI si sia concretizzata l’istallazione del percorso tattile plantare su Corso Mazzini che permette l’esplorazione in autonomia del Mab.

Il riconfermato presidente Francesco Motta ha poi ringraziato il sindaco di Rende Marcello Manna per la sua “costante presenza e la collaborazione con l’Unione”. Una collaborazione partita dal 2014 con quel grande sogno dello stesso Bilotti che grazie al lavoro dei figli sta andando avanti, un sogno chiamato centro sportivo per i non vedenti e ipovedenti. Il terreno che si trova accanto alla struttura, donato dall’amministrazione comunale di Rende negli scorsi anni, è stato pensato come area attrezzata di prossima realizzazione.

Presente all’incontro anche l’assessora alla cultura Marta Petrusewicz che ha annunciato: “nella nuova biblioteca civica , che si aprirà nei prossimi mesi a Villaggio Europa, ci sarà una sala per gli ipovedenti”. Applausi e grande soddisfazione dei soci presenti e consegna delle targhe descrittive da utilizzare all’interno e all’esterno della stessa biblioteca.

Comments

comments