Giovanni Gagliardi capogruppo di Laboratorio Civico sulla “Città unica”

"Rende pronta sui grandi temi della mobilità, edilizia sociale, sanità, economia. Promuovere tavolo di concertazione" - afferma Giovanni Gagliardi.

Giovanni Gagliardi e Marcello Manna

“Come evidenziato dal sindaco Marcello Manna in questi giorni – spiega Giovanni Gagliardi -, Rende è oggi tra le città più floride del sud d’Italia: gli enti di categoria sono concordi nel registrare un trend positivo a livello produttivo, sociale e culturale. Dalla certezza di questo dato bisogna partire per concretizzare l’idea di città unica è fare della nostra Rende il cuore pulsante dell’area urbana”.

Giovanni Gagliardi e Marcello Manna
Giovanni Gagliardi e Marcello Manna

Ad affermarlo in una nota alla stampa il capogruppo del Laboratorio Civico Giovanni Gagliardi che prosegue dichiarando come: “è arrivato il momento di spingere su tale tematica e agire nell’interesse dell’intera comunità. Sono tante, infatti, le implicazioni e le potenzialità che derivano da tale unione e che determinano in maniera strutturale il futuro del nostro intero territorio”.

“Dobbiamo avviare un dialogo che trovi sinergie a tutto campo: il discorso sull’area urbana deve crescere all’insegna del dialogo, condividendo un progetto strategico capace di sviluppare risorse economiche, sociali, culturali e innovative.

Da questo punto vista Rende si trova ad essere, non solo geograficamente, punto strategico e di convergenza per avviare una interlocuzione sui grandi temi quali la mobilità, l’edilizia sociale, la sanità, l’istruzione e la ricerca. È arrivato il tempo di decidere e di farlo insieme in una visione di servizi efficienti per l’intera area urbana.

Le istituzioni devono trovare convergenza sul garantire ai cittadini qualità della vita e opportunità di crescita. Sviluppo integrato che integri in maniera armonica luoghi, storia e identità degli spazi urbani e che trovi convergenza nella città unica: Rende è pronta alla sfida e a farsi promotrice di un tavolo di concertazione tra gli attori chiamati a scrivere la storia futura del nostro territorio” – ha concluso il consigliere comunale.

Comments

comments