Il Parco Acquatico di Rende torna nelle mani del Comune

Il Comune di Rende fa riferimento alle gravi inadempienze della società che ha gestito la struttura e notifica la risoluzione anticipata del contratto

Parco Acquatico di Rende

Il Comune di Rende questa mattina ha notificato all’amministratore della società Parco Acquatico il provvedimento di risoluzione anticipata del contratto ed ha provveduto ad effettuare l’immissione in possesso della struttura.

Nella determina si fa riferimento alle numerose diffide che l’Ente ha contestato alla “Parco Acquatico Santa Chiara 4.0 Srl” e alle diverse inadempienze degli obblighi derivanti dal contratto. Il Comune nello specifico lamenta al concessionario, colpevole di non aver mantenuto gli impegni presi relativi ad aspetti gestionali basilari, inaffidabilità e ambiguità.

Tutte queste inadempienze, valutate con criteri di particolare gravità, hanno obbligato l’Amministrazione Comunale ad attivare la procedura di risoluzione anticipata del contratto. La struttura così tornerà in possesso del Comune, che obbliga la società alla consegna immediata delle chiavi, della documentazione tecnica-amministrativa e dei beni presenti all’interno. Se ciò non avverrà oggi entro le ore 15:00 l’Amministrazione Comunale interverrà, con l’ausilio della forza pubblica, alla sostituzione delle serrature e allo sgombero di eventuali materiali.

LEGGI LA DETERMINA

Comments

comments