Qual è la migliore strategia di investimento passivo

Esistono molti modi per creare ricchezza, ma pochi sono affidabili quanto la collaudata strategia di investire passivamente in azioni, obbligazioni e altri beni che generano reddito passivo sotto forma di dividendi, interessi e affitti. La strategia di investimento passivo si basa sul precedente storico che un portafoglio a basso costo e ben diversificato tenuto con un basso turnover tenderà a produrre un rendimento medio di mercato senza troppi pensieri.

Come funziona la strategia di investimento passivo, passo dopo passo
Le prove dimostrano che funziona bene nella maggior parte delle circostanze perché protegge gli investitori dalla propria irrazionalità, riduce la necessità di comprendere la contabilità e la finanza, non richiede quasi alcun impegno di tempo ed è economico. Molti investitori attuali hanno familiarità con questo concetto a causa di John Bogle, il fondatore della società di fondi comuni Vanguard, che ha costruito la sua carriera aiutando gli investitori a mantenere più soldi eseguendo un metodo di strategia passiva. Bogle ha scoperto per la prima volta le basi matematiche del motivo per cui funziona così bene durante un progetto di ricerca che ha svolto come anziano all’Università di Princeton. Quella ricerca ha portato alla sua tesi di laurea, che alla fine si è manifestata nel primissimo fondo indicizzato S&P 500 anni dopo. Nel 2014, il fondo da lui realizzato, il Vanguard 500 Index, era il più grande del suo genere al mondo. Deteneva più di 190 miliardi di dollari di attività, aveva un tasso di rotazione di solo il 3% (indicando che lo stock medio è detenuto per 33 anni) e un rapporto di spesa dei fondi comuni dello 0,17%. Ha fornito da solo una pensione sicura per più americani di quasi tutti gli altri prodotti finanziari individuali e one-stop.

Collegamento con fondi indicizzati
La strategia passiva esiste da sempre, ma sembra raggiungere il picco di popolarità ogni pochi decenni. Il modo più semplice per trarre vantaggio da questa strategia è acquistare fondi indicizzati ed effettuare acquisti regolari e aggiuntivi attraverso una pratica nota come media del costo in dollari e lasciare che il tempo faccia il resto. Un sistema efficace e alternativo questo per che ci mostra come comprare azioni riducendo al massimo i rischi e le probabilità di perdita effettuando questo modello di speculazione. Ora, sebbene il passato non sia una garanzia per il futuro, ogni volta che un investitore ha seguito questa prescrizione e ha mantenuto gli investimenti per 25 anni o più, i risultati sono stati straordinariamente redditizi nonostante alcuni periodi pluriennali di cali strazianti. Tuttavia, per gli investitori con mezzi sostanziali, i fondi indicizzati sono spesso una scelta subordinata se si desidera trarre vantaggio da questa particolare strategia di investimento.
Quindi come scrive lo stesso Bogle in molti dei suoi libri, incluso un eccellente tomo chiamato Common Sense on Mutual Funds, è molto più efficiente dal punto di vista fiscale per le persone con pochi zeri in più alla fine del loro patrimonio netto rinunciare completamente ai fondi comuni di investimento e costruire un portafoglio diretto di singoli titoli utilizzando la stessa filosofia di indicizzazione. Non solo le spese potrebbero essere inferiori anche ai fondi indicizzati più economici, ma il proprietario del conto può trarre vantaggio da un’altra strategia di investimento nota come raccolta delle perdite fiscali per ridurre al minimo la percentuale del portafoglio preso dal governo.

Strategia senza fondi indicizzati
Un perfetto esempio di come potrebbe essere un’azione del genere è l’ING Corporate Leaders Trust. Nel 1935, il gestore del portafoglio decise di costruire una collezione di 30 titoli blue chip che pagavano dividendi, che sarebbero stati detenuti per sempre, senza manager e quasi senza commissioni o costi. Le azioni sono state rimosse solo quando sono state acquisite, sono andate in bancarotta o hanno subito qualche altro evento materiale, come l’eliminazione dei dividendi o l’insolvenza. Pioggia o sole, inferno o acqua alta, depressione, recessione, guerra, pace, inflazione, deflazione e ogni altro scenario immaginabile, le azioni sono rimaste intatte. Il portafoglio ha pagato i suoi dividendi affinché i proprietari potessero spendere, risparmiare, reinvestire o donare in beneficenza, e basta.

Considerazioni finali
Questo modello per effettuare una strategia di investimento passivo è stato analizzato e studiato nel corso del tempo, dimostrandosi efficace. Tuttavia questo non significa che non ci siano rischi di perdita, motivo per cui prima di effettuare una strategia di investimento seguendo questo schema, conviene informarsi e capire meglio come funziona il mercato azionario odierno e quali sono le possibilità di perdita del nostro specifico investimento.

Comments

comments