Recovery found, Manna in consiglio comunale: “Occasione da non perdere per il Sud”

Il sindaco di Rende interviene su Recovery found in consiglio comunale: “tempo di fare fronte comune aldilà delle appartenenze. Occasione da non perdere per rilancio Sud”. 

Marcello Manna presidente AIC

Su tragedia in Libia: “Non è l’Europa dell’indifferenza che vogliamo”.

“Siamo chiamati, in un momento mai vissuto nel corso della storia, a reggere l’urto di questa pandemia e a lavorare per la nostra comunità insieme, aldilà delle appartenenze politiche, per il bene comune della nostra città”.

Il sindaco di Rende Marcello Manna è intervenuto a muso duro durante lo scorso consiglio comunale che si è tenuto martedì pomeriggio a piazza Matteotti.

“È tempo di mettere da parte protagonismi sterili, non godere delle difficoltà che ci troviamo ad affrontare: bisogna curare questa politica malata e fare battaglia assieme affinché si possano garantire ai nostri cittadini i servizi essenziali”, ha proseguito il primo cittadino che, intervenendo poi sui conti comunali, ha sottolineato come: “dobbiamo ricordare che bisogna partire dal dato inconfutabile che in Calabria ad oggi ci sono 30 comuni commissariati, 48, tra i più importanti, in dissesto e ben 39 in pre-dissesto.

Recovery found, Manna in consiglio comunale: Occasione da non perdere per il Sud
Una seduta del Consiglio Comunale di Rende

Da qui dobbiamo muovere e spingere affinché il Recovery found possa permetterci di risanare divario tra nord e sud. Con i sindaci della rete Recovery Sud vogliamo dare in questo senso una nuova direzione politica che va sostenuta in maniera trasversale.

Questa è un’occasione per ripartire e per azzerare i debiti della sanità, oltre che per azzerare o sospendere gli obblighi di pareggio ai quali siamo chiamati nonostante da più di un anno e mezzo non riscuotiamo, ma continuiamo comunque a pagare per i servizi essenziali. Siamo in una fase nuova che dobbiamo superare per essere in grado di progettare il futuro e permetterci di recuperare circa tredici milioni di euro”.

“Da Rende può partire questa battaglia che tanti sindaci come me stanno coraggiosamente portando avanti. Rende è pronta con Agenda Urbana a illuminare la città in maniera sostenibile, puntare alla circolare veloce e a una mobilità smart, a ripristinare le aree degradate, riqualificare spazi quali il Robinson pronto a divenire parco inclusivo più grande d’Europa, a realizzare, nonostante gli impedimenti burocratici, il PSC, realizzare Pez per un sistema di raccolta rifiuti più efficiente”, ha proseguito Manna.

Infine il sindaco ha voluto ricordare le vittime: “di queste tragedie che vedono il Mediterraneo come un cimitero all’aperto. L’Europa che vogliamo non è questa: bisogna intervenire affinché vengano salvaguardati i diritti umani e non coltivata l’indifferenza. Abbiamo ancora dinanzi agli occhi l’immagine di quei corpi di bimbi lasciati giacere sulle spiagge libiche: poniamo fine a queste barbarie”.