Rende, lunedì presidio di solidarietà con le donne afgane davanti il municipio

Anche l’assessorato alle pari opportunità del comune di Rende ha aderito al presidio in solidarietà delle donne afghane che si svolgerà dinanzi il municipio lunedì 23 agosto alle 19,00.

Rende, lunedì presidio di solidarietà con le donne afgane davanti il municipio

Anche l’assessorato alle pari opportunità del comune di Rende ha aderito al presidio in solidarietà delle donne afghane che si svolgerà dinanzi il municipio lunedì 23 agosto alle 19,00.

All’iniziativa promossa dal Centro di Women’s Studies “Milly Villa” dell’Università della Calabria parteciperanno anche Donneincammino APS, ARCI Cosenza, CPO Ordine degli Avvocati – Cosenza, Nate a Sud, Emily Cosenza, Eos Arcigay, Futura Calabria e MissiONlife Calabria.

Rende, lunedì presidio di solidarietà con le donne afgane davanti il municipio 2
Rende, lunedì presidio di solidarietà con le donne afgane davanti il municipio

“Le imprese militari degli Stati Uniti e della NATO si sono rivelate del tutto fallimentari è dunque doveroso che in questo momento tutte le istituzioni si attivino per favorire sin da subito accoglienza e asilo politico per le donne e gli uomini afghani che decideranno di lasciare il proprio Paese.” Ha affermato l’assessora Lisa Sorrentino.

“In queste ore che segnano la nascita dell’Emirato islamico in Afghanistan, assistiamo all’ennesima catastrofe umanitaria.

Che vede coinvolte soprattutto le donne e le bambine, vittime di una quarantennale partita geopolitica e di un’oppressione patriarcale che si rinnova nei fondamentalismi religiosi.

In questa fase di emergenza, chiediamo che le istituzioni e le comunità si attivino con urgenza per sostenere tutte le persone – e soprattutto le donne e le soggettività non binarie – che vogliono sottrarsi all’oppressione del regime talebano, aprendo immediatamente corridoi umanitari che permettano di sfuggire alle violenze”, dicono i promotori dell’iniziativa.

“Insieme, vogliamo promuovere sinergie per attivare percorsi comunitari e istituzionali che diano risposte concrete sia per affrontare l’emergenza, sia per costruire percorsi comuni di lungo periodo. Non vogliamo e possiamo accettare che ancora una volta, sui corpi delle donne, si consumi l’ennesima guerra”, concludono gli organizzatori del presidio a piazza Borromeo. Per adesioni e informazioni si potrà inviare una mail all’indirizzo: centrows.unical@gmail.com.

Comments

comments