Troppo forte l’Acireale per il Rende, biancorossi sconfitti 3-1

Il Rende di mister Caruso rimane in partita fino al 64', poi i siciliani prendono il largo con le reti di Savanarola e Rossetti

Un Rende imbottito di giovani cede il passo all’Acireale nella gara valevole per la prima giornata del campionato di Serie D.

Il tecnico Alfonso Caruso mette in campo i suoi con il più classico degli schieramenti, il 4-4-2. Avvio a spron battuto dei padroni di casa, che passano già al 3′ con un calcio di rigore trasformato da Rizzo. Un altro tiro dal dischetto, concesso dieci minuti più tardi dal direttore di gara per un fallo di mani di un difensore siciliano, regala il pareggio al Rende. Dagli undici metri si presenta Boito, il portiere granata Mazzini si tuffa dal lato giusto ma non riesce ad impedire che la sfera si insacchi alle sue spalle.

Una fase di gioco di Acireale-Rende (photo Lazzarino)

L’Acireale riprende a spingere nel tentativo di riportarsi in vantaggio e mette in apprensione più volte la difesa calabrese. Il risultato di parità resiste fino al minuto sessantaquattro, quando Rossetti mette una palla tagliata al centro sulla quale Savanarola si avventa come un rapace gonfiando la rete in scivolata. Il Rende non riesce più a reagire e subisce anche la terza rete, realizzata da Rossetti con un destro preciso dalla distanza. L’undici di Pagana, sull’onda dell’entusiasmo, continua a macinare a gioco ed è solo la bravura di Palermo ad evitare che i biancorossi capitolino per la quarta volta.

Il Rende ora avrà una settimana di tempo per preparare al meglio il prossimo impegno di campionato. Sarà un derby, perchè la compagine biancorossa ospiterà la Cittanovese, reduce da un buon pari in casa dell’Acr Messina.

(Immagine di copertina Lazzarino)

Comments

comments